Qualche euro in meno…

Ricorso del Catania respinto: si giocherà a porte chiuse e in campo neutro fino alla fine della stagione.
L’unico “sconto” concesso alla società di Nino Pulvirenti riguarda l’ammenda di 50 mila euro che adesso scende a 20 mila visto che comunque il Calcio Catania si era impegnato a versare la quota rimanente alla famiglia di Filippo Raciti.
Molto amareggiato il d.g. Lo Monaco che ha deciso di proseguire ricorrendo alla C.A.F., ultimo grado di giustizia sportiva.