Il mio nome è Medea

Direttamente dal mondo universitario, i Masculini Vi presentano un’avvincente remake di uno tra i classici piu discussi della targedia greca: MEDEA.

Teatro moderno e mito greco, questo l’accostamento che ha dato vita allo spettacolo prodotto da Angelo d’Agosta (Sceneggiatura e Regia) e Giorgio Romeo (Musiche) con il patrocinio della Facolta di Lettere e Filosofia dell’Universita di Catania, dal titolo Il mio nome e Medea.

Angelo D’agosta e Giorgio Romeo saranno ospiti dei Masculini nella puntata di martedi 27 novembre.
Appassionati, amici, amanti ed amatori del teatro: NON MANCATE! [feu] Un atto unico, che vede l’eliminazione del coro, in cui la drammaticita della tragedia classica viene esaltata da un sapiente uso di elementi moderni, come la musica elettronica e la videoproiezione. Quello di Medea e il dramma di una donna che vede crollare tutte le sue certezze.
Un teatro sociale quindi, ma prima di tutto umano. Non parleremo piu della follia di Medea o di “Medea la maga”, bensi di “Medea la donna”, ed e stata proprio quest’ultima affermazione a motivare la scelta del cast, esclusivamente femminile, in antitesi con il teatro classico.

Tre i livelli cognitivi proposti, al recitato si affiancano le videoproiezioni e la musica in uno spettacolo che coinvolge e trascina lo spettatore.
Le immagini delle rovine della Valle dei Templi di Agrigento si amalgamano con le note ben dosate del pianoforte e si scontrano con il suono acido dei sintetizzatori in una eterogenea fusione di antico e moderno.

La prima andra in scena giovedi 29 novembre alle ore 21, presso il teatro Piscator di Catania, sito in via Sassari 116.