Giornata donatori sangue: l’appello di Cuffaro

Ricorre domani la giornata nazionale dedita alla donazione del sangue. Anche la Sicilia aderisce alle manifestazioni tese ad incentivare le donazioni allo scopo di rendere ogni territorio autonomo da un punto di vista delle scorte di sangue. Il sangue ed i suoi derivati, infatti, sono elemento prezioso e fondamentale in tutte le terapie di alto profilo. Un trapianto, ad esempio, richiede grandi quantità di sangue e l’indisponibilità di adeguate scorte può mettere a rischio la vita del paziente. Per questo il Presidente della Regione Salvatore Cuffaro rivolge a tutti i siciliani un messaggio in occasione della giornata della donazione del sangue.
“Donare il sangue – dice il Presidente della Regione – è un gesto semplice ma prezioso, rappresenta coscienza civica e racchiude in sé anche i valori della carità, della generosità e dell’altruismo intervenendo a salvaguardia della vita, che va difesa sempre ed in ogni modo”.
“Per questo – continua Cuffaro – in occasione di questa giornata voglio esprimere, a nome dei siciliani, gratitudine e riconoscenza a tutti i donatori di sangue, al personale dei servizi trasfusionali ed alle Associazioni dei Donatori Volontari di Sangue AVIS, CRI, FIDAS, FRATRES e THALASSA”.
“Il loro lavoro svolto in questi anno – aggiunge Cuffaro – è importante ed ha consentito al sistema sanitario di disporre delle scorte necessarie ai siciliani. Ma più di quanto è stato fatto fino ad ora, è importante ciò che si può e si deve ancora fare. La raccolta del sangue in Sicilia, infatti, non permette ancora alla nostra regione di essere autosufficiente e troppo spesso dobbiamo rivolgerci altrove per ottenere il sangue indispensabile alle terapie necessarie ai siciliani”.
“Occorre invertire questa tendenza e fare crescere il numero dei donatori di sangue abituali, di quelli, cioè, che si recano periodicamente a donare il proprio sangue sapendo di compiere un gesto semplice ma di grande generosità ed utilità. Anche questo fa parte del processo di crescita della sanità siciliana e della nostra comunità”.
“La generosità dei siciliani, proverbiale in tutto il Mondo, certamente non può difettare in questo. Vale dunque la pena – conclude il Presidente – impegnarsi perché ciascuno di noi contribuisca ad alimentare la speranza delle persone bisognose del nostro aiuto soprattutto nel periodo estivo notoriamente carente di sangue”.