7 proposte per rilanciare il centro storico di Catania

Di seguito le sette proposte presentate:
“CENTRO STORICO”: UN PATRIMONIO DA SALVARE
Elenco sintetico delle 7 proposte operative avanzate, con l’associazione culturale “La Contea”, per favorire il recupero strutturale del centro storico Catanese :

1. Individuazione di un tavolo tecnico, alla presenza dei responsabili del Genio Civile e della Sovraintendenza, che si occupi di individuare gli strumenti da adottare per garantire la salvaguardia del Centro Storico cittadino;

2. Convocazione di un’apposita conferenza dei servizi per valutare lo stato dell’arte degli interventi eseguiti ed ancora da adottare attraverso i fondi previsti per il rischio sismico dalle normative del 1990 e del 2000;

3. Individuazione nell’ambito delle deleghe assessoriali della delega al “Centro Storico” e definizione di una strategia d’intervento da adottare per garantire il miglioramento e lo sviluppo del centro storico cittadino ( pulizia, lotta all’abusivismo,sicurezza, promozione culturale, promozione turistica ecc.) ;

4. Individuazione di incentivi, quali ad esempio l’esonero dal pagamento per l’occupazione del suolo pubblico per i ponteggi, ai privati che, dopo apposito accordo con l’Amministrazione Comunale, decidano di avviare la ristrutturazione degli edifici d’interesse storico;

5.Stesura di un protocollo d’intesa con gli uffici della sovraintendenza e del genio civile al fine di facilitare per i privati l’acquisizione delle autorizzazioni e dei provvedimenti necessari ad avviare interventi conservativi e manutentivi su edifici di interesse storico ed artistico;

6. Valutare la possibilità di realizzare accordi con istituti di credito per l’ottenimento di agevolazioni per i cittadini che hanno necessità di avviare interventi conservativi e manutentivi su edifici d’interesse storico ed artistico;

7. Regione Siciliana al fine di richiedere un intervento normativo ed economico per la salvaguardia del centro storico della città di Catania sull’esempio di altre realtà Italiane.