Violata un’area protetta a Niscemi per costruire un impianto radio causa di Leucemia

A Niscemi un impianto radio pericolosissimo per la salute dei cittadini di tutta la Sicilia: il MUOS in grado di emettere radiazioni nel raggio di 140 km e a causa della sua natura, palesemente anticostituzionale poichè dovrà teleguidare dei droni (aerei senza pilota) il cui utilizzo non sarà certo quello di spegnere incendi. Gli abitanti della zona e parecchi attivisti siciliani contrari al MUOS sono in presidio permanente da alcuni giorni.

Niscemi - No MUOS
Niscemi: presidio contro il MUOS
A tal proposito riceviamo a pubblichiamo la mail di un abitante di Niscemi, Fabio Cantaro che, come altri cittadini della zona, è demoralizzato dalla totale indifferenza del politici e dalla scarsa attenzione dei mezzi di comunicazione.

Sicuramente sarete a conoscenza del fatto che gli americani stanno ultimando i lavori per l’installazione sistema di telecomunicazioni MUOS nella riserva naturale SIC di Niscemi (CL),la più grande e bella sughereta del sud Europa (Area Protetta). Stanchi dell’indifferenza dei politici e dei media che negli ultimi anni non hanno dato lo spazio adeguato ad un problema cosi importante e di tale portata, gli abitanti di Niscemi e del circondario stanno occupando le vie di accesso verso la base americana di Niscemi cosi da bloccare il transito dei camion che stanno trasportando gli ultimi pezzi per completare il MUOS.
Siamo spaventati dalle ricadute sulla salute pubblica delle onde elettromagnetiche che verranno trasmesse da questo MUOSTRO: sono dell’ordine dei Mega Watt con un guadagno d’antenna che arriva ai GigaWatt, potenze mostruose che avranno sicuramente ricadute negative sulla salute dei cittadini e per un raggio di oltre 140 km. I maligni pensano anche che l’aeroporto di Comiso non sia stato aperto in quanto dista pochi km dalla base americana e lo spazio aereo cadrebbe in pieno nel cono trasmissivo del MUOS; i trasferimenti da Fontanarossa a Sigonella e non a Comiso rafforzano però tale idea. Uno studio portato avanti dal prof. Zucchetti del Politecnico di Torino afferma che l’influenza delle onde elettromagnetiche ricadrà in un raggio di oltre 140 km, quindi anche Catania sarebbe colpita da questa tragedia e anche l’aeroporto Fontanarossa potrebbe subirne la nefasta influenza.
Vi chiediamo allora di venire subito a Niscemi e di rendere partecipi tutti che il MUOS è anticostituzionale; l’art.11 della Costituzione recita: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale
scopo.”
Il MUOS invece servirà agli americani a teleguidare i droni (aerei senza piloti) ed è quindi uno strumento di offesa. Inoltre l’attuale base, principalmente con l’antenna a bassa frequenza, è probabilmente una causa dei tantissimi casi di leucemia che si sono manifestati a Niscemi e nel calatino negli ultimi 20anni.

Alle proteste dei cittadini residenti nei comuni del comprensorio interessato dalla costruzione del MUOS si è aggiunta anche la voce di Fiorella Mannoia che su Twitter si è unita al coro di “NO” al MUOS.
Maggiori informazioni sul sito www.nomuos.org

Un pensiero riguardo “Violata un’area protetta a Niscemi per costruire un impianto radio causa di Leucemia

I commenti sono chiusi