Gesualdo Bufalino: il ricordo di Franco Battiato, Di Grado e Salvo Lazzaro a Etnapolis

Giovedì 29 marzo alle 10,30 nel multisala The Space, incontro e proiezione del docu-film Auguri, don Gesualdo, diretto da Franco Battiato.

Auguri don Gesualdo
Auguri don Gesualdo
Per ricordare Gesualdo Bufalino, scomparso sedici anni fa in un incidente stradale, avrà luogo giovedì prossimo, 29 marzo, alle 10,30, nel Multisala The Space di Etnapolis, a Belpasso (Catania), un incontro con Franco Battiato, regista di un docu-film sullo scrittore comisano, e Antonio Di Grado, ordinario di Letteratura italiana nell’Università di Catania e direttore della Fondazione Sciascia.

Agli interventi di Battiato e Di Grado si alternerà la lettura di alcuni brani di Bufalino da parte dell’attore Salvo Lazzaro. Subito dopo l’incontro, introdotto da Peppe Jari, sarà proiettato Auguri don Gesualdo, il documentario di Battiato, sceneggiato da Manlio Sgalambro e con la partecipazione, tra gli altri, dello stesso Di Grado, e di Elisabetta Sgarbi, Matteo Collura, Ella Imbalzano, Sebastiano Gesù, Giovanni Iemulo, Nunzio Zago, Mario Andreose e Angelo Scandurra.

È proprio quest’ultimo a svelare che Auguri don Gesualdo era la scritta sulla torta di una festa di compleanno a sorpresa organizzata per Bufalino l’anno prima della sua morte, nel 1995.

Un film, come ha sottolineato lo stesso Battiato, “realizzato con affetto”. E con l’intenzione dichiarata di “far vedere la sua grazia, mostrare e raccontare l’uomo prima ancora che il grandissimo scrittore a tutti noto”.

“È di grande importanza – ha aggiunto Di Grado – che tutti ricordiamo gli insegnamenti lasciatici da questo personaggio d’altri tempi, che parlava così come scriveva, con la medesima eleganza. E che per vincere la guerra contro la mafia suggeriva di utilizzare, come soldati, i maestri elementari, e come armi segrete libri, libri, libri”.

“Siamo onorati – ha concluso Alfio Mosca, direttore di Etnapolis – di ospitare una manifestazione di questo livello. E siamo grati sia a Franco Battiato sia al prof. Di Grado per questo ricordo di quel grandissimo scrittore che fu Gesualdo Bufalino. Un grazie anche a Giancarlo Santonocito per aver promosso l’iniziativa”.